Il Carnevale degli Animali: Laboratorio di ‘Movimento Creativo’ a distanza per contrastare solitudine e isolamento

, , , , , ,
il carnevale degli animali
Durante il periodo di lockdown il Con.I.S.A. Valle di Susa nell’ambito del lavoro di comunità, con la collaborazione di Monica Re danza-movimento-terapeuta APID, libera professionista, che ha messo a disposizione, gratuitamente, il proprio tempo e l’I.C. CENTO PASSI di Sant’Antonino di Susa si è riusciti ad organizzare un laboratorio di “movimento creativo” a distanza che ha permesso ai piccoli e ai nonni di incontrarsi, di muoversi, di sentirsi meno soli e spaventati.
Sono state coinvolte attivamente le classi IV della Scuola Primaria di Borgone e le Sezioni A e B della Scuola dell’Infanzia di Vaie, oltre alle due Residenze Anziani di Salbertrand (Galambra) e Borgone (Nostra signora del Rocciamelone). ll progetto di “Movimento creativo” svolto con le tecniche della Danzamovimentoterapia APID, si è servito dell’ ouverture del 1886 di Camille Saint-Saens “Il carnevale degli animali” per “giocare” mascherandosi – proprio mentre le mascherine diventavano strumento indispensabile nell’incontro con l’altro – da animali e incontrando i nonni, proprio mentre non li si poteva incontrare , in una forma che li proteggeva.
Il laboratorio si è svolto con un incontro settimanale per le scuole. Nelle prime tre settimane è stato possibile riconnettersi col movimento e adattarsi alla modalità on-line. Al termine di ogni incontro i bambini hanno lasciato traccia del lavoro con parole o disegni. Dal quarto incontro le classi hanno lavorato insieme, incontrandosi su piattaforma web, per conoscersi e adattarsi alle presenze on-line. Poi si è iniziato a lavorare alla coreografia. Nel frattempo si sono svolti, con gli stessi obiettivi, gli incontri bisettimanali con gli ospiti delle Residenze Anziani. Poi si è iniziato a lavorare alla coreografia.
Ed infine al sesto incontro, ci si è ritrovati tutti insieme per la danza comune e la presentazione della maschera di ognuno del proprio animale preferito. E’ stato un momento di grande sorpresa ed emozione, sia per i nonni che da mesi continuano a non poter ricevere visite, che per i bambini che non vedevano l’ora di incontrarli.
Non appena sarà possibile è in programma una mostra itinerante, dei lavori svolti, che potrà partire dalle residenze anziani per proseguire nelle scuole e in punti strategici del territorio.
Un video, visionabile A QUESTO LINK, dà la misura di quanto si è attivato sul piano della tessitura dei legami e delle relazioni, del contrasto alla solitudine e all’isolamento, della
collaborazione e della partecipazione e dello sviluppo di competenze.