La mediazione familiare

Oggi giorno vi sono sempre più genitori alle prese con la separazione e la ricerca di nuovi equilibri. Ci si sposa, ci si separa, si costruiscono nuovi legami, nascono figli fuori e dentro il matrimonio. Si tratta di passaggi non sempre facili da affrontare. Per i figli è necessario poter continuare a contare sulla presenza di entrambi i genitori.

Ricorrere a un Servizio pubblico per genitori che stanno attraversando una crisi può rappresentare un’occasione per tenere aperto il dialogo e ricercare una gestione costruttiva delle inevitabili tensioni e conflittualità che la rottura di un legame comporta.

La Mediazione familiare è un percorso in cui i genitori, accompagnati da un mediatore con una formazione specifica, impostano la riorganizzazione delle relazioni in vista o in seguito alla separazione o al divorzio.

Il Mediatore, in un lasso di tempo circoscritto, affianca i genitori affinché trovino le basi per un accordo durevole e reciprocamente accettabile, che tenga conto dei bisogni di entrambi, e di quelli dei figli, che necessitano di crescere con la presenza, l’amore e il sostegno di entrambi i genitori.

Il percorso di Mediazione Familiare offre:

  • un luogo neutrale di incontro in cui il papà e la mamma sono aiutati a parlarsi, ad ascoltarsi, a confrontarsi per trovare insieme accordi realistici secondo modalità che possono favorire il rispetto reciproco e la continuità degli affetti familiari
  • uno spazio e un tempo (10-12 incontri) per trovare e praticare gli accordi
  • riservatezza e autonomia dall’ambito giudiziario

 

Il percorso di mediazione:

  • Non è un intervento psicologico
  • Non è una perizia
  • Non è una consulenza legale e non sostituisce, ma integra, l’attività degli avvocati
  • Non sostituisce il provvedimento giudiziario